Medicina dei Significati - logo


Associazione

Medicina dei Significati

"L'anima guarisce quando ritrova il significato delle cose"
LA CHIAMANO PANDEMIA.
Eppure è molto di più!

Cari Amici, abbiamo lavorato molto in quest'ultimo periodo.

L'Equipe Madaat, composta da medici, scienziati, ricercatori, avvocati e professionisti di diverse discipline, della quale anch'io ho l'onore di far parte, si è impegnata duramente in questa quarantena per portare una riflessione alternativa sulla pandemia in corso. 

Ne è nato un e-book: "Coronavirus: a cosa serve? Come ripartire?" che,
in una visione del mondo unitaria ed inclusiva di ogni forma di sapere umano, propone una lettura originale ed approfondita dell’esperienza epocale che stiamo vivendo, non basata sulla narrazione distruttiva della guerra contro un nemico esterno, ma sul risveglio e sulla trasformazione costruttiva del nostro potenziale di crescita e di evoluzione.

Trovi qui sotto la presentazione e l'indice dell'opera.

L'ebook ha un costo di 8 euro e ne comprende un secondo, in omaggio, sul tema dell'ecomonia etica. Se desideri riceverlo (in formato pdf, epub e mobi, per renderlo adatto ad ogni tipo di dispositivo elettronico), puoi richiederlo attraverso questo link.


Sarò felice di ricevere le vostre impressioni e i vostri commenti. 

Ora dobbiamo operarci tutti, per costruire il Mondo Nuovo!
Vi aspetto,

Loredana

LA CHIAMANO PANDEMIA. Eppure è molto di più.

È qualcosa che non si è mai prodotto prima nella storia dell'Umanità. È una paralisi collettiva. Il ritornello “nulla sarà come prima” è reale.

 

Stiamo vivendo il passaggio fra due ere: come ci fu un prima e dopo Cristo, ci sarà un prima e dopo Covid-19. Sta morendo un mondo vecchio dalle cui macerie ricostruiremo un mondo diverso. E poiché la morte è l'incapacità di mutazione, di cambiamento, sopravviverà alla crisi solo chi saprà RINNOVARSI, i creativi, coloro che sono capaci di INNOVAZIONE.

In quest'ottica, la crisi che stiamo vivendo è positiva poiché è l'artefice di un cambiamento radicale che ci costringerà a compiere un nuovo passo evolutivo verso un'epoca nuova completamente diversa da tutto ciò che conosciamo e che abbiamo sperimentato sinora.

Verso quale mondo andiamo?

La Sapienza Superiore che governa l'Universo e la Natura che agisce in esso, sanno quello che fanno. Nulla avviene mai per caso. Tutto ha una funzione all'interno dell'ecosistema. Coronavirus compreso. Per quale motivo è apparso questo virus? A cosa serve?

Noi tutti crediamo che il Coronavirus sia la causa della situazione di collasso globale. Ma è solo una verità pariale. Poché la vera causa sta solo dentro di noi.

Malgrado la narrazione bellica che accompagna la pandemia, il Coronavirus non ci ha mai dichiarato guerra. Il vero problema non è il virus, ma la nostra reazione ad esso.

Ciò che noi abbiamo costruito attorno a questa “minaccia” naturale e la narrazione che abbiamo selezionato per descriverla ed oggettivarla, è opera nostra.

Il Coronavirus è davvero un nostro nemico? Svolge davvero la funzione di killer assassino? Il Coronavirus è una nuova informazione epigenetica che vuole relazionarsi con noi per espandersi. Vediamo qual è questa informazione.

 

 

Contenuto dell'Ebook:

  • Il sistema immunitario, nostro sistema di comunicazione che permette lo scambio di informazioni tra noi e l’ambiente

  • Scenari orwelliani: Censura, Fake news e restrizione dei Diritti Costituzionali

  • Effetti del lockdown da un punto di vista sanitario, psicologico, sociologico, giuridico, filosofico, ecologico, spirituale.

  • Crollo economico e sociale in tempo di pandemia

  • Il sesso nell'era del Coronavirus

  • Il Dio delle Religioni in quarantena

  • Il terrore della morte

  • Sfida iniziatica

  • Interazioni con l'ecosistema planetario


Questo è un "momento prezioso" di riflessione e riformulazione. Il "Problema" ha sempre una doppia faccia: crisi da una parte, occasione dall'altra.
Facciamo che non si abbia a perdere, perché NULLA sarà mai più come prima. 

Era Coronavirus

Contagio Etico lavorando da casa

Questo è il secondo e-book che riceverai in omaggio ordinando il primo. Costruire una economia etica è sfida di primaria importanza in un momento di passaggio epocale. Ecco i contenuti:

- Come unirci in tempo di distanziamento?

- Come guadagnare in tempo di coronavirus?

- Anticorpi ed Allergia alla pubblicità

- Come avviare un business etico e virale

da casa?



VIDEO E-BOOK
Abbiamo realizzato alcui video, sui nostri contributi relativi all'e-book. Questo il mio:
Separazione coatta o sfida iniziatica? 



La donna "porta" del lògos: la Parola che fa pensare.

Questo invece è un brano tratto dal libro che sto per pubblicare, sul tema del "capovolgimento" storico in atto.

Brano tratto dal mio libro in pubblicazione: 
Loredana Filippi:  Il Ritorno dell'invisibile. Dal virus al femminino sacro, alla scienza delle "infinite possibilità" creative

"Prima di scendere nelle profondità dell'Averno, Enea si reca dalla Sibilla per ricevere il consenso e la sua protezione. Parmenide, nel suo Poema sulla Natura del VI secolo avanti Cristo, racconta di esser condotto nella via verso la verità dalle giovani Eliadi, figlie del Sole, su di un cocchio trainato da veloci cavalle, probabili simboli della sua ispirazione, immaginazione e intelligenza, doti che egli riconosce come esplicitamente femminili: "La mia ispirazione mi portava e le fanciulle Eliadi, figlie del Sole, illuminavano il mio cammino di ricerca della Verità.

Esse mi portavano dalle case della Notte e dell’ignoranza umana verso la luce del Giorno e della conoscenza divina. Mi guidarono alla gigantesca porta che divide i sentieri della Notte e del Giorno; la Legge Divina che governa il mondo possiede le chiavi della porta."

Come la Sibilla per Enea, le figlie del Sole per Parmenide, ma anche Beatrice per Dante, spesso nel mito è il femminile che guida gli eroi nell'Ade o, meglio, che apre loro i passaggi fra i mondi.

Soprattutto nelle società arcaiche, la donna è sempre custode di tali passaggi, come lo è della vita e della morte: da sempre vicina alle partorienti come a coloro che si apprestano a compiere il grande viaggio. È il femminile che accoglie chi arriva e accompagna nei congedi, e naturalmente non parlo del femminile biologico. Si tratta piuttosto di una disposizione, molto interiore e profonda (per questo femminile) che ha l'animo umano quando accosta i momenti "di soglia", momenti supremi e iniziatici della vita.

Per il suo viaggio agli inferi, Eracle viene iniziato ai misteri eleusini in onore di Demetra, di impostazione iniziatica tipicamente femminile, e poi accompagnato da Atena ed Hermes nella sua catàbasi. Parmenide è guidato dalle figlie del Sole ed il suo cocchio trainato da "cavalle", precisamente definite al femminile per rappresentare le sue doti di poeta visionario e cercatore di verità. Una ricerca non "razionale" la sua: "la cavalle mi portarono verso la via dalle molte voci, che appartiene alla divinità, e le fanciulle mostravano la strada, e la dea benevola mi accolse".

Per sua natura la donna ama parlare, perché il parlare significa tessere una possibilità di relazione con l'altro e con se stessa. Una relazione che desidera scendere nel profondo poiché ella non si accontenta della superficialità. La donna "è relazione" e a questo fine lei indirizza ogni suo talento. La donna è colei che fa ragionare l'uomo, lo induce a riflettere, a fermarsi, a guardare dentro di sé. Cosa non sempre facile per il maschile, yang, attivo, dinamico, razionale e propenso all'azione. L'uomo fatica a fermarsi, non è sua natura scendere nelle profondità, per vedere, analizzare il sentire, ascoltare la voce dell'anima. Spesso ne ha paura. Ecco, la donna è "porta": perché porta nel grembo, inizia alla vita, conduce e apre ai sentieri del Lògos, la Parola che fa pensare.

Questo purtroppo è uno scoglio molto grosso per alcuni individui, "maschi" animicamente immaturi: pensare è un pericolo perché può portare al "vedere". E spesso questo li spaventa - vedrebbero se stessi e le loro paure, i loro fragili castelli - sino a portarli a compiere gesti estremi. L'uomo violento uccide la donna, perché non accetta di "vedere" ciò che lei gli mostra. Da accompagnatrice nel regno dei morti - tipico simbolo iniziatico - la donna diviene "psicopompa evolutiva", colei che guida verso un cammino di crescita interiore. Per questo ci guida nell'Ade, per ritrovar noi stessi.

Il femminile in noi è colui che ci prende per mano e ci dice di non aver paura. Guardiano di un passaggio iniziatico apre le porte del passaggio dalla ragione della mente alla ragione del cuore. La quale non chiede di sostituirsi all'altra sorella, ma di accoglierla in un abbraccio più grande. E questo "più grande", spaventa l'animo impreparato. Quale stupore, dunque, se tale potere è così spesso soffocato con la violenza?

La donna è "porta" perché custode di una soglia. Come Arianna con l'amato Teseo, ti aiuta ad uscir dal labirinto ma poi viene, come lei, spesso abbandonata sull'isola deserta.

Tutto è simbolo, viviamo in una foresta di simboli, scriveva Baudelaire: ma la donna (il femminile in noi) è SIMBOLO due volte, perché è "colei che cuce", riunisce ciò che il maschile ha tagliato , tesse le relazioni e sa cogliere i nessi fra le cose. Sempre Parmenide nel frammento 12 della sua opera, scrive che "nel mezzo, fra le particelle, c'è UNA demone che tutto governa, e da LEI tutto prende origine" e la parola magica di oggi è "connessione" .

Capacità di creare empatia e risonanza, di cogliere i legami invisibili fra le cose. La connessione con le nostre emozioni, con il nostro mondo interiore, le nostre inquietudini e sofferenze, le nostre paure e i nostri innamoramenti; la connessione con l'altro che, alla fine, io divento. Rabbia, paura, gioia, riso, pianto, sogno: impulsi che spesso la ragione non solo ignora ma addirittura teme, perché non avvezza, non addestrata a frequentare. Per questo ha sminuito tutto quel mondo, quel regno che invece cela un grande tesoro.

Oggi siamo tutti "connessi". Alla rete, ma non a noi stessi. Voglio tuttavia vedere in questa "moderna connessione", un simbolo di - o un passaggio verso - quella più nobile e alta alla quale tutti presto dovremo addestrarci. Quando non ci saranno più cavi, né antenne, né software che ne gestiranno il collegamento."



Loredana Filippi

MdS_Studio
Solstizio Estivo
Visualizza questa email nel tuo browser
Ricevi questa mail perché sei iscritta/o alla Newsletter dell'Associazione Medicina dei Significati, della dott.ssa Loredana Filippi. Trattiamo i tuoi dati in modo conforme alla Privacy Policy e conformemente ai requisiti del GDPR, del 25 maggio 2018. Ricorda che potrai cancellarti in ogni momento, cliccando nell'apposito link, presente in ogni mail. Se non desideri ricevere più email, puoi cancellarti qui
Questo messaggio è stato inviato a info@medicinadeisignificati.online da info@medicinadeisignificati.online
Associazione Medicina Dei Significati (C.F. 97721080154), Dott.ssa Loredana Filippi, Via Anacreonte 7, 20132 Milano, professionista disciplinato ai sensi della legge 4/2013 (Codice di attestazione SIAF: LO138T-OP), operatore olistico e counselor esistenziale ad orientamento immaginale e psicoenergetico, specializzata in psicosomatica e sviluppo del potenziale umano.


Cancellati da tutte le mailing list Cancellati | Gestione Sottoscrizione | Inoltra Mail